Filodrammatica ViVa di Vigolo Vattaro - Altopiano della Vigolana (Trento) - Italia

Menu  Menu
Notizie
AttivitÓ
Tabella attivitÓ
Rassegne
Spettacoli
Scritti
Notizie dall'interno
Guide
Software/Hardware libero
Miei progetti
Mappa sito
Foto
Download
Mio curriculum
Dove siamo

Vedi anche  Vedi anche
 Editoriale1
 El Confront dei Colmei
 Interviste1
 Teatro giramondo1
 Tutto questo accade in trasferta
 Il perchŔ di una scommessa
 Una risata
 Prossimi appuntamenti1

Scritti » Filo Fil˛ » Filo Fil˛ - Aprile 1990 » Una risata

UNA RISATA

DOMENICA 11 marzo 1990
VIGOLO VATTARO; Ore 8.00; Scena davanti all’Oratorio:

-    «Veci miei che sòn... Ma sente tuti chi?»
-    «Sgrunt, rumpf, bof, bof...»
-    «Cos’è che hai detto Titti?»
-    «No sò gnent! Lasame star che son stresà!»
-    «Ma non dovevamo essere in quindici, sedici?»
-    «Mah... no sò... i ha dit che i g’aveva sòn...»
-    «Ma il Piolo non c’è?»
-    «Boh... no sò... ghè ancor le finestre serade su a so casa»
-    «E 'l Capo?
-    «Ricoverato al S.Chiara per apparente paresi al braccio sinistro. Prognosi: tre giorni di riposo assoluto.»
-    «Te pareva...»

-    «E poi il lavandino sarei io»
    N.B.: lavandino stà per lavativo, nel gergo della filo.
-    «Ben... va là... dai che nen... se nò no arivan pù»

30 minuti più tardi; palestra di Gardolo; sempre i soliti sei, più il Capo miracolosamente dimesso dal S.Chiara con la diagnosi: «Se uno, le braccia al cinema le tenesse a posto, non succederebbe niente.»

-    «Bestia che granda...»
-    «Guarda, ci sono anche i canestri...»
-    «Kappa no stà scominziar...»

30 minuti più tardi; sempre palestra di Gardolo; sempre i soliti sei, più il capo, più il Piolo desmisiatosi (si fa per dire) in lieve ritardo:

-    «Ma quanti èio ’sti pelez... noi finis pù...»
-    «Tasi e lavora...»
-    «N’averen portà dentro almen zenzinquanta...»
-    «Gòso..»
-    «A me mi fa già male la schiena!!»
-    «Eccolo che el scominzia...»
-    «Maury taca la musica, che se laora meio.»

Successive sette ore di lavoro, dalle 10.00 alle 17.00 (compresa pausa per ricarica con il pasticcio della zia Carmen); voci senza nome prese qua e là:
 
-    «Dame mò chi el martel... nò sui dei, pistola!!»
-    «Ti stà su la scala, ti enciolda, ti sega, ti porta dentro, ti porta fora, ciapa sto telo nero, dame le pontine, ...nò quele da magnar... le altre, metti su, tira zo... ma ariverente o nò, ariverente. E se no arivan, come fente..., ecc.»
-    «Non preoccuparti Rosy, ce la faremo.»
-    «En’d’elo nà el Kappa... Kappa!!! Meti zo quela bala e vei chi che ne serve na man!»
-    «Ma s’èlo sto odor? Ghèlo en zorzo mort da qualche banda?
-    «...Ah nò... capo rimetete le scarpe per piazer...»
-    «Ma staralo su quel afare?
-    «Ma vot che nol staga su? Varda che ’l mio infallibile genio nol sbaglia mai.»
-    «Sì, però, secondo me, se mettessimo due tiranti...»
-    «Oddìo è ariva l’inzegner...»
-    «Mi gò fam; nente o no nente a magnar?»
-    «Ma si, bòn, dai che nen...»
 

Un’ora più tardi:

-    «A che punto sente?»
-    «Ma... no sò... e se no arivan... o mama come fente... doven mandar via tuti... e po’ i se en’rabbia... ecc. ecc...»
-    «Ragazzi, me de la scala?»
-    «Sà te servela?»
-    «Bisogna tirar zo el Kappa dale spalliere, che l’ha dit che el gà le vertigini e no l’è pù bon de vegnir zo.»

Due ore più tardi:

-    «Dai che aven quasi finì.»
-    «Sì, ma staralo su... e se nol sta su... magari el ven zo... e se el ghe ven zo su la testa a qualche d’un... bison portarlo all’ospedal...»
-    «Tanto el manderen ensema al Capo che l’è esperto...»
-    «Ragazzi, ma abbiamo finito, che ho le mani con sotte le bolle e sono stanco e mi fanno male le gambe?»
-    «Ingegnere per piacere taci!»
 

Un’ora più tardi:

-    «Son strac...»
-    «Sono cotto...»
-    «Son mort...»
-    «Son stresà...»
-    «Gò ancor el braz blù...»
-    «Basta!!»
-    «Ma staralo su... e se el ven zo... magari a metà comedia bisòn portar tuti all’ospedal... ecc. ecc.»
-    «Dai fente na foto?»
-   «Ma sì dai... ricordo perenne di una mitica impresa che ci ha uniti al di sopra e al di là di ogni possibile controversia, fautrice peregrina di incomprensioni e inquietudini ormai sopite.»
-    «S’alo dit?»
-    «No sò... per mi el gà mal de panza.»
-    «Per mi el gà le braghe strete.»
-    «Forza dai, meteve en posa!»
 
 
Kristian
(disegni di Sabrina)
print
Calendario  Calendario
Maggio 2019
L M M G V S D
1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31

Data: 19/05/2019
Ora: 16:30
Accadde Oggi:
* 1961 - Programma Venera: Il Venera 1 diventa il primo manufatto ad oltrepassare un altro pianeta, superando Venere (comunque la sonda aveva perso contatto con la Terra un mese prima e non mand˛ in dietro alcun dato).

Santi Cattolici:
* San Teofilo da Corte, frate minore francescano

Meteo  Meteo
Meteo Vigolo