Menu  Menu
Notizie
Attivitą
Tabella attivitą
Rassegne
Spettacoli
Scritti
Notizie dall'interno
Guide
Software/Hardware libero
Miei progetti
Mappa sito
Foto
Download
Mio curriculum
Dove siamo

Vedi anche  Vedi anche
 Archivio News

Motd

La Filodrammatica di Vigolo Vattaro nasce nel 1920 circa e si sviluppa nell'ambito delle attività della parrocchia. I sacerdoti che guidano la comunità Vigolana individuarono nel teatro uno strumento formidabile di aggregazione sociale e di crescita per le persone.
Questa linea tracciata già da allora, indirizza l'attività della Filodrammatica di Vigolo Vattaro dal 1977, anno della rifondazione, ai giorni nostri. La filosofia di fondo del gruppo è quella di promuovere la crescita personale e collettiva attraverso questo meraviglioso strumento chiamato Teatro. Possiamo dire di aver sperimentato molti generi teatrali ed altrettanti stili espressivi, e di esserci distinti in alcuni di essi, come nel teatro per ragazzi, grazie al confronto con Compagnie amatoriali e professionistiche che operano in quel settore.
Ormai diverse generazioni si sono succedute e tuttora convivono nella nostra Filodrammatica; molte persone che hanno generosamente elargito energie, passione e tempo libero. Tra queste ricordiamo il compianto Giovanni Tamanini che per tutti noi è stato amico, padre e maestro nello stesso tempo.
Se possiamo sintetizzare i nostri programmi per il futuro, li affidiamo alla parola: «incontro», poiché soprattutto in questo vediamo la crescita per noi, la nostra comunità e le tante persone che, in futuro, ci auguriamo di conoscere.

Recapito

Filodrammatica Viva
c/o Rosella Ducati
Via Erbosa, 4
38049 Vigolo Vattaro (Trento)
Tel. 0461 847263

Indirizzo di posta elettronica:

0
0

InkScape

Ogni primo martedì del mese ci troviamo con il gruppo Open Hardware di Trento

a condividere le conoscenze di elettronica legate alle apprecchiature open hardware a partire da Arduino

presso la sala al primo piano dell'oratorio di Vigolo Vattaro alle 20.30

https://www.freelists.org/list/openhw-trento

Gli incontri sono temporaneamente sospesi


Realizzato da Giuseppe Tamanini

Si dichiara che questo sito, ai sensi della Legge 7 marzo 2001 n. 62, non rientra nella categoria dell'informazione periodica in quanto viene aggiornato ad intervalli non regolari.

Pace fatta fra Arduini...

Dopo la pace fatta fra Arduino.cc e Arduino.org
pubblicata la nuova Ide che supporta tutte le board

di Arsenio Spadoni (blog.elettronicain.it)

Dopo l’annuncio della riconciliazione tra le due anime di Arduino, quella guidata da Massimo Banzi (arduino.cc) e quella che faceva capo a Federico Musto (arduino.org), ecco, finalmente, i primi frutti: un IDE unico per tutte le board disponibili, la versione 1.8.0.
L’IDE è il “cuore” di tutto l’ecosistema Arduino, la quintessenza stessa di Arduino, ed è stato giusto e corretto partire proprio da qui. Un regalo di Natale sicuramente ben gradito da tutta la comunità e soprattutto molto prezioso.

Il software può essere scaricato da questa pagina.
L’IDE 1.8.0 di Arduino funziona senza problemi con le board che utilizzano chip AVR come la Uno, Mega, Yun, Micro, ecc. ma supporta anche Leonardo Ethernet, Yun Mini, Industrial 101 e Uno WiFi.
L’aggiornamento del core SAMD fornirà il supporto anche per la M0 e M0 Pro, completando la linea di prodotti che comprende la Zero, MKR1000, e i nuovi Primo e MKRZero.
Utilizzando Linux è ora possibile eseguire direttamente l’IDE da linea di comando, non essendo più richiesto il display X11. Sono stati risolti anche i problemi di visualizzazione con Arduino Buider.
Ancora una volta il team di Arduino ringrazia i membri della comunità per il lavoro svolto e per la segnalazione di eventuali problemi con la nuova versione.
 
Sicuramente un gradito regalo per il 2017!

Postato 30 Dicembre 2016 - 16:21:21 (letto 192 volte)
Read Leggi tutto | Stampa Stampa |  0 Commenti

Ce la posso fare

Mi scuso anticipatamente con i soci della FiloViVa se uso questo sito per sfogarmi...

Devo ringraziare pubblicamente il mio ex direttore Gianfranco Schraffl che poco fa mi ha telefonato essendo intervenuto alla: "Celebrazione del 50esimo del c.f.p. Enaip di Borgo: un'occasione per rivivere assieme mezzo secolo di presenza della formazione professionale sul territorio della Valsugana.", dove io non sono stato invitato, forse perché sono in malattia (però nessuno dice perché). Lo ringrazio infinitamente delle belle parole che ha detto sul mio operato al cfp di Borgo ma posso affermare senza ombra di dubbio che il merito è tutto suo: io sono solo bravo a mettere in pratica le idee degli altri, comprese le sue. Se ho potuto realizzare tante cose è perché lui, non solo me lo ha permesso ma mi ha anche dato molti spunti. Io ho sempre agito per il bene della mia scuola e mai per me stesso. Gianfranco mi diceva: "Stai tranquillo, non ti toccheranno mai perché sei in una botte di ferro." Ora io dico: "Sono ancora in una botte di ferro ma ci sono stato chiuso dentro perché do fastidio." Quando c'era lui eravamo almeno tre anni avanti, adesso questa cosa (il fatto che io anticipi i tempi con le nuove tecnologie) è vista come cosa negativa. Con le belle frasi o i ringraziamenti però non si prende lo stipendio. Mi rimangono ancora meno di due mesi e poi... ho finito il periodo di comporto.
Ho bisogno di aiuto! Ma vero però, non con le chiacchiere. Quando dico che non riesco più a fare il mio lavoro come me lo impongono di fare, giuro su Dio, che non lo faccio per finta, ma è vero! Sto solo chiedendo, da sette anni, il cambio di mansione facendo da supporto alla didattica, non sto chiedendo il mondo! E non voglio mi mettano in segreteria a tenere su le palle del segretario... Voglio lavorare, fare innovazione, fare laboratori con i ragazzi, aggiornare gli insegnanti... E lo posso fare!

Giuseppe


Postato 26 Novembre 2016 - 18:51:44 (letto 919 volte)
Read Leggi tutto | Stampa Stampa |  0 Commenti

Debutto con il nuovo spettacolo per ragazzi


Postato 16 Novembre 2016 - 21:54:39 (letto 255 volte)
Read Leggi tutto | Stampa Stampa |  0 Commenti

Presepe degli antichi mestieri

"Presepe degli antichi mestieri"

Vigolo Vattaro - Piazza Oreste Bailoni

di Giovanni Bianchini, Claudio Clamer e Giuseppe Tamanini.

Terrecotte realizzate a mano da Giovanni Bianchini e Claudio Clamer; plastiche, disegnate e stampate in 3D, da Giuseppe Tamanini.


Postato 7 Dicembre 2015 - 19:05:14 (letto 1017 volte)
Read Leggi tutto | Stampa Stampa |  0 Commenti

Educare alla legalitą

Riporto una riflessione presa da un messaggio di Roberto Bergonzioni scritto alla lista Wii_libera_la_lavagna:

"Ho scoperto dopo anni che educare alla LEGALITA’ è la cosa piu’ bella ed importante che si possa fare a scuola. Di più, è l’obiettivo principale della SCUOLA. Ora posso insegnare ai ragazzi strade alternative al download illegale, all’utilizzo di programmi craccati. Posso mostrare comunità che collaborano per risolvere problemi legalmente. Oppure per offrire aiuto lungo il percorso di apprendimento di GNU/Linux. Posso illustrare software alternativi che in molti casi non hanno nulla da invidiare a quelli proprietari. Soprattutto posso comunicare atteggiamenti e comportamenti in sintonia con gli obblighi e gli obiettivi di una scuola.
Negli anni ho potuto constatare, osservando gli altri e me stesso, che nei giovani e negli adulti piano piano ed inconsapevolmente v’è stata una graduale normalizzazione dell’atteggiamento di appropriazione illecita. Si ruba senza rendersene conto. Scaricare copie illegali (musica, video o software che sia) è rubare. In tanti lo fanno considerando la cosa normale. Anche se tardi è ora che almeno la scuola faccia la sua parte. Scegliere una piattaforma che aiuta a modificare questo atteggiamento non è poco! Dovrebbe essere imposta dall’alto.
Viviamo in una società in cui gli atteggiamenti illegali sono diffusi (non occorre citare i dati relativi all’evasione fiscale). Non ci possiamo permettere che anche negli ambienti educativi siano divulgati comportamenti scorretti. Anzi, solo partendo da questi contesti sarà possibile cambiare direzione e senso di marcia. E lo si deve fare presto affinché non sia troppo tardi.
Occorre solo che anche il Ministro di turno lo capisca e si dia da fare come tanti di noi hanno dovuto fare per saltarci fuori. In silenzio, senza chiedere nulla in cambio, dedicando con piacere molto di quel tempo libero che la maggior parte delle persone rinfaccia agli insegnanti.
Mi auguro che la prossima riforma della scuola invece di occuparsi dei grembiulini, oppure delle discipline da eliminare, dei docenti da tagliare e del personale ATA da recidere, prenda in considerazione metodi e strumenti per migliorare l’insegnamento e ponga al centro della questione l’alfabetizzazione per un’etica improntata a comportamenti onesti. Perché solo i comportamenti possono educare chi ci osserva."

E a che giustifica l'uso del software proprietario perchè le aziende ed il mercato lo impongono, risponderei cosi:

"Photoshop, io credo, non è affatto indispensabile in una scuola d’arte. Lo sono i concetti che vi stanno dietro. Faccio un banalissimo (forse troppo) esempio per chiarire. Una volta appreso che è possibile lavorare per livelli con un software, quanto tempo impiego cambiando interfaccia ad individuarli e utilizzarli?
E’ meglio una scuola che addestra a determinati software, oppure quella che fa comprendere, usare e implementare i concetti/procedure che stanno alla base del proprio futuro lavoro? Dobbiamo educare all’addestramento di un programma, o gettarci nell’impresa di dare strumenti mentali che come grimaldelli apriranno le porte che stanno davanti a noi oggi e magari domani?
In azienda, sapendo bene cosa sono i colori, come vengono gestiti dal software, come si possono trattare e manipolare utilizzando l’informatica, non credo dovrò fare poi tanta fatica nell’adattarmi al programma che offre i migliori risultati."


Postato 17 Settembre 2015 - 09:22:06 (letto 1079 volte)
Read Leggi tutto | Stampa Stampa |  0 Commenti

Ghe son cascą dentro a pei zonti

Si replica alla sala polifunzionale di Garniga - Sabato 25 luglio alle ore 21.00


Postato 11 Luglio 2015 - 21:34:23 (letto 1408 volte)
Read Leggi tutto | Stampa Stampa |  0 Commenti

Laboratorio di INFORMATICA APPLICATA

Laboratorio di INFORMATICA APPLICATA all'Istituto Comprensivo di Borgo Valsugana

Gianni Slompo, 05 giugno 2015

 


Si sono concluse le attività opzionali facoltative del laboratorio di "INFORMATICA APPLICATA".

Il laboratorio è stato organizzato dal prof. di tecnologia Gianni Slompo con la preziosa e fondamentale collaborazione volontaria e gratuita del prof. Giuseppe Tamanini, docente presso l'Istituto E.N.A.I.P. di Borgo Valsugana, che ha coordinato e seguito le varie fasi (progettuali ed esecutive) volte alla realizzazione di una stampante 3D ad uso dell'Istituto.

Il prof. Tamanini, con professionalità e dedizione, ha coinvolto gli studenti nelle scelte progettuali e nelle soluzioni costruttive adottate, cercando di privilegiare l'utilizzo di materiali poco costosi ma versatili e facilmente reperibili - tutto il telaio portante principale della stampante, infatti, è costituito da normali barre metalliche lisce e filettate unite mediante viti e bulloni; altre parti e componenti strutturali e non (elementi di fissaggio, ingranaggi, morsetti ed altro) sono stati invece ottenuti mediante la stampa dei pezzi con una stampante analoga realizzata in precedenza, sempre dal prof. Tamanini. Solo la componentistica elettronica di controllo e di gestione è stata acquistata a parte e poi assemblata ed installata dai ragazzi con cura ed attenzione secondo le indicazioni impartite dal docente.

Il coinvolgimento degli studenti è stato totale ed ha permesso loro di apprezzare concretamente le indicazioni ed i preziosi suggerimenti del prof. Tamanini, che ha saputo infondere in ciascuno di loro interesse ed impegno notevoli. I ragazzi, attraverso l'agire concreto, hanno così potuto acquisire conoscenze, abilità e competenze specifiche riguardanti una disciplina che per sua natura coinvolge aspetti altamente tecnologici (elementi di meccanica, informatica ed elettronica).

Parte delle attività hanno riguardato anche l'utilizzo di software CAD professionale Open Source, per la rappresentazione grafica tridimensionale, quale potente strumento di progettazione, direttamente interfacciabile con la nuova stampante 3D e parte integrante del sistema.

Anche in tal caso gli studenti hanno partecipato con impegno ed hanno seguito con estrema attenzione il corso sull'utilizzo del programma, riuscendo poi ad applicare le conoscenze acquisite nella progettazione di oggetti di forma anche complessa, ottenibili poi con la nuova stampante.



Postato 5 Giugno 2015 - 21:52:09 (letto 1442 volte)
Read Leggi tutto | Stampa Stampa |  0 Commenti

Momo a Caldonazzo


Postato 26 Aprile 2015 - 21:46:18 (letto 1506 volte)
Read Leggi tutto | Stampa Stampa |  0 Commenti

Le avventure di Momo


Postato 24 Gennaio 2015 - 19:02:34 (letto 1859 volte)
Read Leggi tutto | Stampa Stampa |  0 Commenti

Leggi ingiuste

Il film
"The Internet's Own Boy: The Story of Aaron Swartz (CC available)"
https://www.youtube.com/watch?v=vXr-2hwTk58
che racconta la vita di Aaron Swartz uno dei creatori del progetto di licenze Creative Commons (Cc) che ha allargato il mondo del diritto d’autore.
http://www.wired.it/attualita/tech/2014/01/10/10-motivi-per-ricordare-aaron-swartz/
inizia con questa frase:

Esistono leggi ingiuste;
dovremmo accontentarci di obbedire,
o dovremmo impegnarci a cambiarle
obbedendo fino a quando non ci riusciamo,
o dovremmo semplicemente trasgredirle?

Henry David Thoreau

E aggiungo io
Quante leggi ingiuste abbiamo in Italia?
Uno dei problemi maggiori è che molte di queste, per noi poveri comuni lavoratori dipendenti, non solo non possiamo fare niente per cambiarle ma, peggio ancora, è impossibile trasgredirle.

Giuseppe Tamanini


Postato 18 Gennaio 2015 - 21:33:32 (letto 1866 volte)
Read Leggi tutto | Stampa Stampa |  0 Commenti
Calendario  Calendario
Marzo 2017
L M M G V S D
1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31

Data: 28/03/2017
Ora: 08:12
Accadde Oggi:
* 1930 - Costantinopoli ed Angora cambiano i loro nomi rispettivamente in Istanbul ed Ankara

Santi Cattolici:
* San Cono di Naso, monaco basiliano

Meteo  Meteo
Meteo Vigolo